La Campagna di Russia di Manuel Grotto

Categoria: Articoli e Recensioni Pubblicato: Martedì, 14 Ottobre 2014

LA CAMPAGNA DI RUSSIA di Manuel Grotto

Ho appena letto La CAMPAGNA DI RUSSIA di Manuel Grotto, 2008 Edito dall'A.N.A., sezione di Vicenza con il patrocinio della Provincia di Vicenza e della regione Veneto, pagg. 311 , volume riccamente illustrato, di cui ha voluto farmi dono gradito il mio consuocero Silvano Miotello, del cui genitore Terenzio il volume contiene una testimonianza del suo impegno in quella campagna di guerra a pagina 246.

L'autore non nuovo a questa esperienza, avendo già pubblicato Dalle Dolomiti al Carso e da Caporetto al Piave, Edizioni ANA sez. di Vicenza, in cui narra delle vicende della Prima Guerra Mondiale e traccia un primo bilancio di glorie del Corpo degli Alpini, di cui egli si onora di appartenere, giacché un Alpino non è mai in congedo, essendo questo un Corpo molto coeso, basti pensare ai Raduni affollatissimi che ogni anno sfilano per le città d'Italia e non solo.

L' Autore con impegno notevole scrive la storia della Divisione Julia facendo parlare gli oltre 120 testimoni che hanno vissuto sulla propria pelle la grande tragedia della campagna di Grecia, prima, e di Russia dopo, disegnando un profilo storico rigoroso, colmo di umanità e di valori, di eroici sacrifici, niente affatto ripagati da uno Stato che nel male e solo nel male, dico, quella catastrofe volle.

Nei racconti dei 120 protagonisti ( in effetti centoventi microstorie, che messe insieme consente a ciascuno di farsi una idea storica precisa ) risalta evidente che la campagna di Russia ebbe scarsa preparazione: furono inviate le truppe non bene equipaggiate, basti pensare al vestiario inefficiente che ha visto costretti al supplizio del congelamento di migliaia e migliaia di nostri eroici fratelli, che vedevano diventare un tutt'uno scarpe e piedi, calzature che dovevano essere tagliate per poterle sfilare e, infine, erano molte le dita dei piedi che si staccavano, da sole, insieme alle scarpe.

Autocarri che non riuscivano a sopportare le bassissime temperature russe e restavano immobili. Uomini, ufficiali, soldati e sottufficiali che restavano impietriti sulla cavalcatura per il gelo, giovani che elemosinavano un ultimo atto di pietà ai compagni, chiedendo loro un colpo di grazia.

Accanto a queste testimonianze non mancano atti eroici, di soldati che aiutano i civili e di civili che aiutano i soldati. Non mancano aneddoti sul cattivo comportamento degli alleati tedeschi nei confronti della popolazione russa, ma pure nei confronti dei tanti soldati italiani. Non mancano testimonianze della fine delle popolazioni civili ebraiche (pag. 297) , passate alle armi, in luoghi ristretti per risparmiare munizioni.

Mi fecero arrivare in prossimità di un fossato anticarro“ scrive l'Autiere Basso Giuseppe “ e li misero (gli ebrei) in due file così, capii poi, bastarono metà pallottole per ucciderli. Ci facevano fare questi lavori orrendi pretendendo che assieme a noi non ci fossero ufficiali italiani”. Avrei voluto chiedere a quel soldato autiere se il suo comandante poi, non fosse venuto a conoscenza di quei trasporti.

Dalla lettura delle lettere viene fuori una gran quantità di inediti; prima di tutto si trovano testimonianze inappuntabili sulla fine di tanti soldati italiani che sono morti a causa del gelo ed anche dei motivi per cui le Autorità russe, spesso non sapevano nulla di tanti dei nostri che noi credevamo prigionieri dei russi, ma che in effetti nei campi di prigionia non erano proprio arrivati a causa di ferite, malattie e soprattutto gelo, in quanto i prigionieri venivano registrati solo dopo essere arrivati nei Campi di concentramento, ma questi cessavano di vivere durante la marcia del “davai!” .

La propaganda politica italiana ci ha fatto credere per anni, ma a torto, che i russi non ce li volevano restituire i nostri prigionieri, per chissà quale crimine.

Molte sono le testimonianze di simpatia e rispetto che le popolazioni civili nutrivano per gli italiani, non vi è lettera che non parli della brava popolazione russa.

In qualche lettera viene fuori pure che i tedeschi e anche gli italiani non erano molto teneri verso i prigionieri nemici feriti, comportandosi così come facevano i russi con i nostri feriti, senti Munaretto Ugo a pag.287 “ Nell'aprile del 1942 dopo un mese del nostro arrivo i tedeschi fecero la “Sacca di Karkov” dove catturarono una trentina di divisioni russe. I prigionieri passarono per cinque giorni nella strada a fianco a noi e chi non riusciva a stare al passo veniva ucciso con un colpo di moschetto.”.

Purtroppo la guerra è guerra! Guai ai popoli che intendono risolvere i propri problemi con essa. Io detesto tutti i regimi di destra e di sinistra perché sono tutti guerrafondai.

Insomma, secondo me la storia di Russia, grazie alla serietà della ricerca di Manuel Grotto è ancora da riscrivere e devo dedurre che la maggior parte di quelli che si sono salvati erano impegnati nelle retrovie. Tutto il resto è stato usato come carne da macello.

Io dico grazie all'Autore per avermi dato questa immane montagna di documenti, di prima mano, che hanno chiarito in me tanti dubbi ed esorto studiosi e ricercatori di fare luce su altri prigionieri, quelli fatti tali dall' Inghilterra in Africa Orientale e mandati nei campi di concentramento in India, poiché per anni si è taciuto dei maltrattamenti subiti dai nostri soldati in quei campi, volendo ricordare che di quei prigionieri solo poche decine sono sopravvissuti di un decennio di vita dal loro ritorno in patria e da quanto ne so, gli inglesi non sono stati da meno dei tedeschi con i progionieri militari che non hanno voluto collaborare.

Invito, infine, i Presidi delle scuole e le associazioni di combattenti e reduci a fare pubbliche letture dei testi di Manuel Grotto poiché quei testi ben veicolati e discussi non possono fare altro che fare amare la PACE alle future generazioni. Grazie Manuel Grotto, ad majora.

Visite: 1242

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione: Per saperne di piu'

Approvo

Cookie Policy

La presente Cookie Policy è relativa al sito http://www.ugodugo.it (“Sito”) gestito e operato dal signor Ugo D'Ugo, Via Capriglione n. - 86100 Campobasso

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.


La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Tipologie di cookies utilizzati

Cookies di prima parte:

I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.

Cookies di terzi:

I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.

Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre Open Source Solutions utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Open Source Solutions non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; Open Source Solutions a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy di Open Source Solutions si applica solo al Sito come sopra definito.

Cookies persistenti:

I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.


Cookies essenziali:

Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.

Cookies funzionali:

Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.

Cookies di condivisone sui Social Network:

Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.

Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di Cookie Prima parte Funzionale
Provenienza Ugo D'Ugo
Finalità Recuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)
Durata Cookie persistente
   
2) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
Provenienza Ugo D'Ugo
Finalità Memorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)
   
3) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
Provenienza Ugo D'Ugo
Finalità Personalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)

Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.


E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto da Ugo D'Ugo.